Linguaggio

CHE COSA E’ IL LINGUAGGIO:

Il linguaggio è un sistema di comunicazione simbolico attraverso il quale l’essere umano è in grado di esprimere i propri pensieri, sentimenti ed esperienze; nasce all’interno di un continuum di capacità comunicative più generali ed è intimamente connesso alle competenze percettive, cognitive, affettive e sociali che il bambino possiede e amplia durante il suo sviluppo. Per fare in modo che questo sviluppo sia sano, l’ambiente svolge un ruolo cruciale e dunque è necessario che il bambino sia adeguatamente esposto alla lingua di appartenenza e stimolato alla comunicazione.

La facoltà di linguaggio non si identifica esclusivamente con la sintassi e la semantica , ma include anche molti altri ambiti, implica ed è strettamente correlata con capacità non linguistiche, comunicative, percettive, cognitive e affettive. Nell’approccio logopedico sarà dunque indispensabile tener conto di tutti questi aspetti del linguaggio, che interagiscono e si determinano a vicenda, al fine di promuovere una comunicazione verbale funzionale alla condivisione con i propri simili e corretta secondo le regole condivise dalla lingua di appartenenza.

Va ricordato che quando il bambino è piccolo, la comprensione precede sempre la produzione: non ci si aspetta che un bambino pronunci parole di cui non conosce il significato e questo spiega il perché le prime parole non compaiono prima dei 12 mesi. Questo non significa che, prima di quell’epoca, il bambino non abbia modo di comunicare con l’ambiente: il pianto, gli sguardi, i gesti sono solo alcuni esempi di comunicazione che il bambino sviluppa prima di arrivare all’uso del linguaggio. A questo proposito, gli studi sullo sviluppo del bambino hanno identificato alcune tappe fondamentali nell’acquisizione del linguaggio, ma non tutti i bambini le conquistano nello stesso modo ed esistono, invece, grosse differenze tra un individuo e l’altro che rientrano nello sviluppo considerato normale.

LE DIFFICOLTA’ DI LINGUAGGIO

Si parla di difficoltà di linguaggio quando, nonostante l’esposizione alla lingua di appartenenza, il bambino non riesce a sviluppare un valido canale di comunicazione verbale. Nel momento in cui si sospettano difficoltà di linguaggio, è bene escludere la presenza di disturbi cognitivi, percettivi, psicopatologi, socio-affettivi; solo allora si potrà parlare di una difficoltà specifica. E’ stato dimostrato che circa il 6% dei bambini in età prescolare presenta un disturbo specifico di linguaggio (DSL), ma purtroppo solo una piccola parte di essi riceve un trattamento specifico in questa epoca: la maggior parte dei bambini, infatti arriva nelle strutture in età immediatamente prescolare e anche già scolare, quando il rischio che poi il bambino manifesti anche difficoltà di apprendimento(link collegamento per area apprendimento) è particolarmente elevato. L’importanza della diagnosi precoce è, anche in questo caso, lo strumento più efficace  al fine di programmare un intervento specifico mirato.

All’interno della categoria DSL possiamo distinguere:

  • Disturbo fonologico isolato Il bambino che impara una lingua deve imparare a percepire e rappresentarsi internamente quali sono i suoni della sua lingua e quali sono le regole con cui questi suoni si combinano; in questa categoria di DSL rientrano quei bambini che, pur avendo un buon vocabolario, non riescono ad utilizzare i suoni di linguaggio per segnalare le differenze di significato.
  • Ritardo specifico espressivo Rientrano in questa categoria quei bambini in cui le fasi dello sviluppo del linguaggio sono presenti ma, nella maggior parte dei casi, si manifestano rallentate rispetto alla media; vengono, per esempio, portati avanti dei processi di semplificazione delle parole o della struttura della farse , per tempi più dilatati.
  • Disturbo specifico espressivo In questo quadro rientrano i bambini che hanno un disturbo specifico del linguaggio riscontrabile a livello fonologico ma presumibilmente anche a livello lessicale, morfosintattico o pragmatico; il bambino, cioè, ha uno scarso vocabolario (livello lessicale), poche o nessuna regola grammaticale acquisita (livello morfosintattico) e non è in grado di utilizzare il linguaggio nella maniera adeguata ai vari contesti, quali quello conversazionale o narrativo (livello pragmatico).
  • Disturbo specifico recettivo-espressivo Rientrano in questo quadro i casi in cui oltre alla difficoltà nell’ambito della produzione verbale (ciò che il bambino dice e come lo dice) sono presenti anche difficoltà nell’ambito della comprensione verbale che, come si è detto, è la base di un successivo sviluppo del linguaggio adeguato e corretto. Il bambino, in questo caso, avrà quindi difficoltà a comprendere ciò che gli si dice per una immatura o assente acquisizione delle regole fonologiche, lessicali, morfosintattiche o pragmatiche.

 

LA RIABILITAZIONE DEL LINGUAGGIO

Tappe fondamentali per un corretto ed efficace sviluppo del linguaggio sono l’ascolto, la discriminazione di suoni e parole, le competenze motorie e prassiche e lo sviluppo cognitivo e affettivo. La terapia sarà incentrata sulla stimolazione di tali aspetti, come abbiamo precedentemente detto, i quadri clinici sono molteplici e ad essi vanno aggiunte le differenze individuali che concorrono a definire la difficoltà di linguaggio, per questo, in base alla tipologia di disturbo riscontrata, l’equipe riabilitativa elaborerà un percorso differenziato ed idoneo ad affrontare le difficoltà specifiche del bambino.

attività:

  1. PREVENZIONE

Consulenza nelle scuole, differenziata per ordine e grado:

  • Screening precoce delle abilità linguistiche
  • Screening dei prerequisiti dell’apprendimento (lettura, scrittura e calcolo)
  • Percorsi di aggiornamento per insegnanti
  • Progetti di intervento mirati al sostegno e alla didattica
  • Seminari per i genitori
  1. DIAGNOSI

La valutazione del linguaggio avviene attraverso un lavoro di equipe che prevede:

  • Colloquio con la famiglia
  • Valutazione globale dello sviluppo
  • Valutazione delle abilità linguistiche
  • Valutazione psicomotoria (se necessaria)
  • Monitoraggio dello sviluppo del linguaggio
  1. CURA

Percorso riabilitativo mirato al recupero delle difficoltà linguistiche del bambino attraverso:

  • Terapia individuale
  • Terapia nel piccolo gruppo

 

L’equipe:

Voce in Riabilitazione si avvale, per i disturbi di linguaggio, del lavoro integrato tra le seguenti figure professionali:

  • FONIATRA
  • PSICOLOGO
  • LOGOPEDISTA
  • psicomotricista

 

Cosa offriamo:

  • Prima consulenza Logopedica gratuita
  • Colloquio gratuito di restituzione al termine della valutazione, in presenza dell’equipe.

 

Destinatari:

Le attività inerenti la riabilitazione comunicativo-linguistica sono dedicate a:

  • bambini
  • famiglie
  • scuola